II edizione Festival MANN: Una domenica di musica al museo

FestivalMANN/Muse al Museo 2018

Domenica 25 marzo 

AL MANN UNA DOMENICA DI GRANDE MUSICA

Museo Archeologico Nazionale di Napoli – Piazza Museo, 19

Una domenica dedicata alla musica e, per il teatro, ad un grande protagonista della scena e della letteratura: Daniel Pennac. Domani 25 marzo al “FestivalMANN Muse al Museo” arrivano Massimo BubolaCristiano Godano, Marina Rei, Paolo Benvegnù, Andrea Franchi, Alessandro Fiori che si esibiranno con tre performance ciascuno accanto ai capolavori del Museo Archeologico. Ultimo spettacolo della giornata vedrà insieme Alvin Curran e Ciro LongobardiNei primi tre giorni del festival gli ingressi al Museo sono stati oltre 12.000.​

Sarà la musica quindi la protagonista della giornata di Muse al Museo a partire dalle 12,30 con una speciale presentazione-concerto del libro “Ballata senza nome” (Ed. Sperling & Kupfer) di Massimo Bubola, tra le più importanti firme del cantautorato italiano che, sul palco della sala Cielo Stellato, alternerà  musica e narrazione. Bubola sarà intervistato da Enzo d’Errico, direttore del Corriere del Mezzogiorno. L’artista ha collaborato con grandi protagonisti della musica italiana come Fabrizio De André, Mia Martini e Fiorella Mannoia. Nella sua opera letteraria dà voce ai soldati caduti nella Grande Guerra, a cento anni dalla battaglia di Caporetto. Un’opera di ampio respiro letterario, storico e culturale, che racconta un momento cruciale della nostra storia, e nello stesso tempo, grazie alla prosa musicale e raffinata di Bubola, ci restituisce le voci, i sentimenti e le passioni di un’Italia oggi scomparsa.

Nel pomeriggio sarà la volta di “Cantautori al Museo”, un originale live “disseminato” che, dalle 15 alle 17,45, condurrà il pubblico in un percorso musicale tra le opere e le sale del MANN: dal Toro Farnese per Cristiano Godano, al Mosaico di Alessandro per Marina Rei, alla Venere Callipigia per Paolo Benvegnù, alla sala dei Tirannicidi per Andrea Franchi e alla Villa dei Papiri per Alessandro Fiori. 

“Mo’ era ora” è il titolo del concerto in programma alle 18 nella sala Cielo Stellato che unisce la musica elettronica di Alvin Curran, compositore statunitense di adozione romana e tra i principali animatori del panorama culturale e artistico a partire dai primi anni ’70, con il pianoforte di Ciro Longobardi, interprete raffinato di linguaggi musicali moderni e contemporanei. In collaborazione con Piano City Napoli.

In mattinata (ore 10 e replica ore 11,30 nella sala Teatro) consueto appuntamento teatrale per i più piccoli con lo spettacolo “Il cuore di Chisciotte” di Gek Tessaro, percorso visionario e poetico di suggestioni liriche sul tema dei cuori in viaggio.

Per la prima serata nella sala della Meridiana alle ore 21 il festival propone “Il caso Malaussène – Mi hanno mentito” di e con Daniel Pennac, reading teatrale a tre voci, con Massimiliano Barbini e Pako Ioffredo, inspirato all’ultimo romanzo dello scrittore francese del ciclo di Belleville, il quartiere parigino in qui sono ambientate le avventure di Benjamin Malaussène. Con la mise en espace di Clara Bauer, lo spettacolo, prodotto da Roberto Roberto, segue la linea di confine fra interpretazione e narrazione, lettura e recitazione, fedele allo stile giallo e grottesco del Caso Malaussène.

Il Festival proseguirà fino al 28 marzo con altri ospiti e spettacoli tra cui “Madamina, il catalogo è questo… L’opera buffa da Mozart a Offenbach” con uno straordinario Elio, nella doppia veste di narratore e cantante; “Napule è…n’ata storia”, concerto-spettacolo con Mariangela D’Abbraccio & Musica da ripostiglio; e il gran finale con Michael Nyman.

Festival Mann

Info e Programma Completo

 

La gallery delle prime quattro giornate del festival

II edizione Festival MANN: Una domenica di musica al museo ultima modifica: 2018-03-24T19:41:13+00:00 da Redazione