Nasce “La rivincita del cuore”, scrittori uniti per Aisla Napoli

Incontriamo in anteprima la curatrice dellantologia La rivincita del cuore, Emilia Ferrara. Colei che ha messo insieme una squadra di scrittori italiani e non solo, dando vita ad un libro edito da Homo Scrivens.

Emilia, come nasce l’antologia “La rivincita del cuore”?

“La rivincita del cuore” è una raccolta di racconti nata grazie a una serie di elaborati di Umberto Mormile costretto allimmobilità per colpa della SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica). Mormile da anni non è più tra noi, ma ho avuto i suoi scritti. Questi sono eterogenei e spaziano da racconti di vita, a pensieri “spettinati”. Il materiale non era sufficiente per farne un libro e per questo abbiamo pensato di coinvolgere tanti autori.

Quanti autori hanno aderito all’iniziativa?

Hanno aderito alla raccolta 57 autori, di cui 48 compilatori di racconti.

Ne cito giusto alcuni, basti pensare a Maurizio de Giovanni, Antonella Ossorio, Piergiorgio Pulixi… Si spazia da poesie a racconti. L’antologia è arricchita inoltre dalla testimonianza di Adele Ferrara, presidente associazione Aisla Napoli. La prefazione è firmata da Eduardo Savarese, ma non voglio svelarvi tutto.

Qual è l’obiettivo del progetto?

La vendita di questo libro è finalizzata alla raccolta fondi per i progetti di Aisla Napoli onlus. E soprattutto, divulgare informazioni e sensibilizzare le persone su questa terribile malattia che sta aumentando sempre di più.

Di cosa si occupa Aisla Napoli onlus?

Promuove a 360° la tutela, lassistenza e la cura del malato, garantendone la dignità personale per una migliore qualità di vita. Combatte per laffermazione dei diritti delle persone in quanto esseri umani, e non solo malati, a garanzia del mantenimento di una buona qualità di vita.

Aisla Napoli onlus lavora per sconfiggere la SLA mantenendo il malato e la famiglia al centro di questo percorso. Per info: http://www.aislanapoli.it

LE ILLUSTRAZIONI DI MAURA MESSINA

La rivincita del cuore è arricchita da alcune tavole realizzate dall’art-designer Maura Messina.

Intervistiamo l’artista.

Come sono nati i disegni che accompagnano l’antologia?

I disegni sono nati a seguito della richiesta di Emilia. Dopo averla ascoltata, ho cercato di raccontare, attraverso essi, il rapporto che c’è tra una persona affetta da SLA e il proprio corpo. Il costante legame con il tempo e il sovvertimento del concetto di “libertà”. Una libertà legata alla mente che non può essere imbrigliata, al di là delle limitazioni alle quali può essere soggetto il corpo.

Trai ispirazione da qualche illustratore in particolare?

In realtà non ho un illustratore di riferimento. Mi piace guardarmi intorno, osservare… credo che i miei disegni siano frutto di tutto ciò di cui i miei occhi si sono riempiti durante lo scorrere del tempo. Osservo, sedimento e rielaboro.

Cosa vorresti comunicare attraverso le tavole di “La rivincita del cuore”?

Ho immaginato una serie di marionette con un marchio registrato “Sla” che tirano i fili di: corpo, tempo, spazio, comunicazione e libertà di movimento. Restano libere la “testa” per pensare, il dito per scrivere, una lancetta e una formica.

Quando disegni conta la tua esperienza personale?

Sicuramente si. Mi pongo il problema il più delle volte di lanciare un messaggio positivo, soprattutto quando “racconto” situazioni delicate.

Prediligi una tecnica specifica per disegnare?

Disegno per lo più a mano e ovunque. Tendo a portare con me sempre una penna bic e un taccuino. Quando serve utilizzo anche il computer e dei programmi, ma la prima scelta è sempre “il disegno a mano libera”.

La casa editrice napoletana Homo Scrivens ha sposato una “giusta causa” e la supporta con la potente arma della cultura. Non ci resta che seguire questa nuova entusiasmante avventura che ha messo insieme un bel gruppo di scrittori italiani e non.

Milena Del Prete

Nasce “La rivincita del cuore”, scrittori uniti per Aisla Napoli ultima modifica: 2018-04-23T13:18:30+00:00 da Milena Del Prete