Sula Ventrebianco: Napoli è il nuovo singolo dedicato alla città

Si intitola Napoli ed è il nuovo video dei Sula Ventrebianco.

La notizia dell’uscita circolava da tempo sui canali ufficiali della band stoner rock partenopea. Il  brano era stato presentato, in anteprima, la scorsa estate in alcune uscite live, ottenendo buone risposte da parte di fan e pubblico.

Napoli è una canzone di rinascita, un inno di rivalsa sociale e musicale. Una dedica alla mamma di tutti i napoletani, in chiave rock. Un pezzo duro e sincero, a dispetto delle mode del momento, nello stile dei Sula Ventrebianco, che non tradiscono le origini ed il loro credo.

 

 

Abbiamo scritto una canzone sulla nostra città. Abbiamo scelto l’elemento acqua perché è il passaggio obbligato verso la rinascita, purificazione, la stessa che vorremmo per Napoli. Noi, gli abitanti di questa città “scura” siamo come il fuoco del Vesuvio, siamo lanterne magmatiche in carica costante.

La carica di una città abbandonata a se stessa ma che vuole a tutti i costi rivivere anche attraverso il rock. 

(Sula Ventrebianco)

 

 

 

 

Sula Ventrebianco | Napoli – Testo

 

Napule nun te perde nata vota

Pecchè me guarda accussì

‘a gente te spremme e ‘o sanghe nun scumpare

E po’ me ‘mpara ‘a fùie

Restano doce ‘e tocchi de campane

E comme è luongo ‘o ddurmì

Parimmo muorte e po’ quanne è dimane

Sputame ‘nfacce e ‘mpare a capì

 

Napule nun m’ho perdo natu juorno

Je nun rimango accussì

Comme m’he fatte e comme m’he crisciute

Je m’aggia sentì nu ddio

Scinneme a cuollo ommo già fernuto

Che me vulisse fà

Arreto ‘e spalle tengo scritto gruosso

Si mare è tempesta, mare songo je

 

Napule nun perdere maje ca po’ nun te sentene

Napule nun vencere cchiù ca po’ nun te crerene

E quanno tuorne ‘a mare stanca ‘inda ‘a rezza ‘o cchiummo

E cu chill’uocchie ‘a marenare te vene a chiagnere

 

Napule è scura e ‘o sole nun l’addà sapè

Napule tremme ma nun ‘o vò maje fa vedè

Napule è ‘o suonno ca nun t’addurmenta maje 

chi è muorto senza nun ha campato maje

 

Napule nun m’ho perdo natu juorno

Je nun rimango accussì

Comme m’he fatte e comme m’he crisciute

Je m’aggia sentì nu ddio

Scinneme a cuollo ommo già fernuto

Che me vulisse fà

Arreto ‘e spalle tengo scritto gruosso

Si mare è tempesta, mare songo je

 

Napule nun perdere maje ca po’ nun te sentene

Napule nun vencere cchiù ca po’ nun te crerene

E quanno tuorne ‘a mare stanca ‘inda ‘a rezza ‘o cchiummo

E cu chill’uocchie ‘a marenare te vene a chiagnere

 

Napule dice basta, te prego ‘mbarate

E chi nun serve a niente addurmentalo

E quanno tuorne ‘a mare stanca ‘inda ‘a rezza ‘o cchiummo

E cu chill’uocchie ‘e chi è nato mo’ me guarde facile

 

Napule nun te perdo nata vota, pecchè me guarde accussì

 

Salvatore D’Ambrosio

Sula Ventrebianco: Napoli è il nuovo singolo dedicato alla città ultima modifica: 2018-10-18T13:51:36+00:00 da Salvatore D Ambrosio