I Sorrowland suggeriscono le Buone maniere per giovani predatori

È uscito a fine ottobre Buone maniere per giovani predatori, EP di debutto dei Sorrowland (Sxrrxwland).

Sorrowland è un collettivo artistico eclettico formato da Osore (producer), Gino Tremila (creative director) e Giovanni Vipra (voce). I tre hanno unito le forze e le attitudini creative andando a curare, oltre all’aspetto prettamente musicale, anche illustrazione e fotografia.

In effetti, il concept visivo è vivido nell’EP e si unisce alle melodie dal timbro onirico, riuscendo a raccontare con quadri emblematici la società contraddittoria in cui si muovono i più giovani.

Direi che ad emergere più lucidamente siano proprio i desideri, le emozioni negative che le nuove generazioni vivono ogni giorno, non rendendosene sempre pienamente conto. Sto parlando della noia insoddisfabile, la solitudine che divide ed unisce solo dietro allo schermo dei telefoni, l’alienazione che, necessariamente, ne deriva.

sorrowland

Sorrowland e le Buone maniere per giovani predatori

L’infelicità e le mancanze vengono raccontate nei brani, fin dalla prima traccia – Piazza Polonia –, che individua poi un grande controsenso dei nostri anni: potersi permettere il lusso, ma non saperselo godere.

Contami il tempo perso su un orologio d’oro da un milione e mezzo”.

La canzone che più ho apprezzato credo sia Facebook. Vince la semplicità in questo caso.

“se io facessi un figlio lo farei perfetto | se io facessi un figlio lo farei per Facebook.

Quanto ne abbiamo parlato e ne parleremo delle foto dei figli condivise sui social e del fatto che ogni prodotto sia ormai progettato per essere condiviso? Mi ha fatto sorridere l’idea che questa smania per la condivisione possa, in futuro, inserirsi nelle motivazioni poco deontologiche per cui decidere di avere un bambino.

Un pezzo che un po’ si distacca dal mood generale dell’EP è Le Città, che si veste di un velo di tristezza. Nei versi “mentimi e poi dimmi che andrà tutto a posto | tanto siamo solamente un brutto sogno | mentre il cielo arrugginisce sopra il mondo” è racchiuso il racconto di un amore finito, la visione provocata da ricordi che non si vogliono lasciar andare.

A chiudere l’EP è Lasciami qui, che raccoglie con coerenza le fila delle tracce precedenti, concludendo un lavoro che mi sembra abbia raggiunto i risultati che si era prefissato, e sia ragionevolmente riuscito ad attirare l’attenzione della scena trap. Un buon inizio per i Sxrrxwland che suscita molta curiosità per il futuro.

 

Francesca Tummolillo

I Sorrowland suggeriscono le Buone maniere per giovani predatori ultima modifica: 2018-11-21T13:00:21+00:00 da Francesca Tummolillo