Sanremo 2019: promossi e bocciati della terza serata

Pochi pezzi forti tra quelli presentati nella terza serata del Festivàl.

Bisio e la Raffaele finalmente a fuoco. Ma il palco lo riescono ad illuminare soltanto la grande Ornella Vanoni e la sorprendente Serena Rossi.

Sanremo 2019 - Terza Serata

PROMOSSI

Bisio e Raffaele hanno finalmente trovato tempi, spazi e – soprattutto – vestiti giusti. E abbiamo capito che funzionano se divisi. Allora sì che esce il talento. Che è tanto e fino ad ora rimasto nascosto. E quando lei legge Oltre la collina omaggiando Mia Martini arrivano i brividi.

Mahmood è la vera rivelazione di questanno. Sul ritornello di Soldi finiamo a battere le mani insieme a lui e allorchestra.

Nigiotti emoziona e commuove. E le parole di Nonno Hollywood sono un podi tutti noi.

I tuoi particolari non è il pezzo migliore di Ultimo, ma lo canta col cuore e a quegli occhi ci credi. E finisce nelle playlist di tutti.

Irama racconta la storia di un abuso in La ragazza dal cuore di latta. Il coro gospel forse è di troppo, ma lo porterà al podio.

Standing ovation per Simone Cristicchi e la sua preghiera laica Abbi cura di me (probabile Premio della Critica). Parla tanto e fa bene a farlo. E quando si siede sui gradini del palco ci commuoviamo con lui.

Sanremo 2019 - Terza Serata

BOCCIATI

Anna Tatangelo ha una voce pulita e potente. Ma non basta. Servono canzoni forti e taglienti. E la sua Le nostre anime di notte non lo è. E Anna, leffetto capello bagnato fa sporco. Alla prossima.

Renga fa Renga che fa Renga. Aspetto che torni è il saluto sentito alla madre. Ma i tempi di Angelo sono lontani.

Un pocome la vita in cuffia è un duetto sincero e ben bilanciato e le voci di Briga e Patty Pravo si fondono senza mai sovrastarsi. In cuffia. Sul palco dellAriston i due sono sconnessi. Completamente sconnessi. E ripetiamolo allunisono: Patty quel parrucchiere mandiamolo una vita in vacanza”.

Boomdabash ma cera veramente bisogno di andare a Sanremo? Siete freschi, solari, divertenti. Per un milione l’avremmo ballata in ogni caso quest’estate (e siete sempre in tempo per aggiungere un cameo di Giusy Ferreri). Vi perdoniamo la cresta fucsia, labito con cappellino a visiera glitterato, ma Sanremo. Ecco, Sanremo lasciamolo ad altri.

Motta è elegantissimo. Dov’è l’Italia? È la somma dei suoi successi precedenti e ancora non si capisce se voleva far davvero una canzone impegnata. Sfugge. Unoccasione persa.

The Zen Circus cantano L’amore è una dittatura. Tante parole, tante, troppe. E il pezzo non parte mai.

Nino DAngelo e Livio Cori portano a Sanremo Un’altra luce, confronto tra un padre che ha paura di ciò che lascia e un figlio pronto ad affrontare il futuro. Nino è un fuoriclasse, Livio uno dei possibili volti del ben più famoso Liberato. Sul pezzo, poco da dire: non funziona. Lento, a tratti incomprensibile.

Sanremo 2019 - Terza Serata

FUORICLASSE

Ad Antonello Venditti bastano un pianoforte e quel paio di occhiali da sole che porta con sé da cinquantanni. E se ci aggiungi Baglioni e Notte prima degli esami viene fuori un momento magico in grado di unire generazioni. Perché sì, LA MATEMATICA NON SARÀ MAILMIOOO MESTIERE la cantano urlando mamme e figlie. E pure la nonna dalla cucina.

Che Alessandra Amoroso sia brava non si può dire nulla. Del suo stylist (e di quelle spalline/ali di struzzo) si potrebbe stare a parlarne fino a domattina. Ma è già tardi e poi canta Io che non vivo senza te con Claudio e ci dimentichiamo tutto.

Raf e Tozzi per la quota Ritorno al futuroci trasportano agli anni 80 e fanno ballare l’Ariston. Gloria.

Cameo di Fabio Rovazzi, “distruttore” artistico. Forse il conduttore non deve farlo, forse nemmeno il cantante. Però lo fa.

Baglioni che alle 00:30 canta E tu per ricordarci che l’Ariston è suo, oggi come ieri.

Sanremo 2019 - Terza Serata

MENZIONE DONORE

Ornella Vanoni, di rosso vestita, entra, smonta, rimonta e con ironia tagliente e forza da vendere risveglia lAriston e salva la serata (e la Raffaele). Parolacce comprese. Che una scollatura così a 84 anni solo lei può permettersela. Saluta la sua amica Nicoletta/Patty Pravo e urla allItalia che a una certa età si può fare quel che si vuole e ha ragione. E lei e Patty su quel palco possono davvero far quel che vogliono, che se Sanremo è Sanremo è (anche) grazie a loro.

Serena Rossi canta con Baglioni Almeno tu nell’universo per presentare Io sono mia film sulla grandissima Mimì che andrà in onda su Rai 1 martedì prossimo.

Se pensavo a Mia Martini, pensavo a violenza, discriminazione, ingiustizia. È arrivato il momento, su questo palco, di chiederle scusa. Mimi per te!

Brava Serena. Davvero bravissima.

Duccio Forzano, che per chi non lo sapesse è il regista del Festivàl. Un grande regista (vd. lesibizione di Silvestri e Rancore o il duetto di questa sera Baglioni-Venditti)

Chiude la classifica della Sala Stampa in fascia alta (blu) medio (gialla) e bassa (rossa).

Blu: Simone Cristicchi, Mahmood, Irama, Ultimo

Giallo: Enrico Nigiotti, Motta, The Zen Circus, Francesco Renga

Rosso: Anna Tatangelo, Nino D’Angelo e Livio Cori, Boomdabash, Patty Pravo e Briga

Nicolò Bellon

Sanremo 2019: promossi e bocciati della terza serata ultima modifica: 2019-02-08T13:12:50+02:00 da Redazione