Rammstein, ecco “Deutschland” il primo singolo del nuovo album

Deutschland, il singolo che anticipa l’uscita del nuovo album dei Rammstein in poche ore ha già scatenato forti polemiche ed indignazione

28 marzo 2019: in questa data Deutschland  segna il ritorno dei Rammstein, la band industrial tedesca più controversa di sempre. Un’attesa durata ben un decennio.

Anni di trepidazione e di scetticismo durante i quali i fans hanno temuto perfino lo scioglimento del gruppo.

Poi, come vi abbiamo anticipato lo scorso ottobre, la notizia ufficiale: le nuove canzoni erano finalmente in fase di registrazione.

Negli ultimi mesi gli aggiornamenti sul proseguimento dei lavori erano stati rari e piuttosto vaghi. Fino a due giorni fa, quando, inaspettatamente, è comparso sul canale Youtube della band un teaser dalla durata di 35 secondi.

XXVIII III MMIX il titolo della clip, che annunciava, appunto per il 28 marzo, l’arrivo di Deutschland, il nuovo singolo della band.

La canzone è accompagnata da un video provocatorio, tipico dei Rammstein.  In Deutschald, il gruppo ripercorre diverse epoche della storia tedesca, dall’antichità al periodo nazista. Nel video accanto ai Rammstein nelle diverse epoche, lei, “Germania”, interpretata dall’enigmatica Ruby Commey.

Il video, della durata di circa 10 minuti, è stato girato come un vero e proprio film. In esso sono presenti dei chiari riferimenti anche ai precedenti video della band, riferimenti che di certo i fans più affezionati avranno notato ed apprezzato.

Le polemiche

Se è vero che i fans apprezzano, c’è però chi di certo non ha gradito una parte del video in particolare.
I Rammstein in Deutschland impersonano anche dei prigionieri ebrei sul patibolo in attesa dell’esecuzione.

Inevitabili le proteste da parte di organizzazioni ebraiche e antinaziste. Il video è stato considerato infatti un oltraggio alla memoria del popolo ebraico, come riportato dal giornale tedesco Bild.

Niente di nuovo in fondo per i Rammstein. Non è la prima volta che vengono accusati di propaganda nazista. Si pensi alla cover di Stripped  dei Depeche Mode realizzata nel 1998. Nel video della band tedesca sono presenti delle scene  tratte dal film Olympia, un documentario realizzato da Leni Riefenstahl nel 1936 in occasione dei Giochi Olimpici. Il documentario, voluto dallo stesso Hitler, aveva in effetti come scopo la celebrazione della superiorità ariana.

I Rammstein nel corso della loro lunga carriera hanno ribadito in più occasioni la loro estraneità nei confronti dell’ideologia nazista, il loro obiettivo non è altro che quello di destabilizzare l’opinione pubblica. Poco importa se qualcuno si sente offeso.

 

                                                                                                                                      Alessia Diano

Rammstein, ecco “Deutschland” il primo singolo del nuovo album ultima modifica: 2019-03-28T18:59:51+02:00 da Alessia Diano