Scappo a casa, la nuova avventura di Aldo Baglio

Scappo a Casa è una commedia italiana in uscita il 21 marzo nelle sale cinematografiche. La pellicola, diretta da Enrico Lando (creatore della serie televisiva di successo I Soliti Idioti) e prodotta da Paolo Guerra, vede come protagonista Aldo Baglio, stavolta senza i suoi fedeli compagni di viaggio Giovanni Storti e Giacomo Poretti.

Al suo fianco, in queste improbabili avventure, ci sono, invece, Angela Finocchiaro, Jacky Ido e Fatou N’Diaye.

La trama

Michele (Aldo Baglio) è un italiano medio legato solo ed unicamente ai beni materiali della vita. Da meccanico, è appassionato di automobili, soprattutto se gli permettono di attirare donne di bell’aspetto. È ossessionato, inoltre, dal suo aspetto esteriore. Per nascondere la calvizie si presenta, infatti, con il suo inseparabile parrucchino al cospetto del gentil sesso.

Come ogni italiano medio che si rispetti, rifiuta qualsiasi tipo di diversità. Il suo “razzismo”, però, va anche oltre il colore della pelle. Il protagonista di Scappo a Casa disprezza chiunque non predichi la dolce vita, così come fa lui. Addirittura afferma che “chi è povero, ha scelto di sua volontà di essere tale”.

Durante un viaggio di lavoro a Budapest, le sue fortunate sorti si ribaltano totalmente. Il caro Michele dovrà affrontare svariate peripezie al fianco delle stesse persone da lui denigrate. Questo percorso, pieno zeppo di spiacevoli avventure, gli offrirà la possibilità di guardare il mondo da una prospettiva nuova e differente.

Scappo a casa
Scappo a casa © PaoloGalletta

Scappo a casa

In un’Italia colma di gente che quotidianamente si definisce “non razzista, ma..”, il superficiale Michele non si pone alcun problema nell’affermare in tono ufficiale un palese disgusto verso il generico altro.

La sorte, però, gli riserva una tremenda vendetta. Il protagonista di Scappo a Casa, infatti, si trova a vivere il suo più grande incubo: essere ritenuto dai suoi simili un immigrato, “uno di loro”.

Nonostante ciò, Michele subisce un notevole cambiamento. Stabilisce un rapporto sincero ed inaspettato con svariati personaggi in condizioni opposte alle sue. Inizialmente con Mugambi (Jack Ido), Jamilah (Awa Ly) e suo marito (Thierno Thiam), Jamba (Betani Mapunzo); successivamente con Babelle (Fatou N’Diaye).

L’unione fa sicuramente la forza. Tutti desiderano scappare dalle proprie condizioni disagiate, alla ricerca di una vita migliore o per ricongiungersi con i propri cari. Michele, invece, vorrebbe semplicemente tornare alla sua quotidianità. Tutti, dunque, si uniscono con il fine di raggiungere un obiettivo comune.

Il messaggio che il film lancia è decisamente contemporaneo e positivo. Il nostro “eroe”, interpretato da Aldo Baglio, dimostra che non è mai troppo tardi per cambiare opinione o prospettiva di vita. Proprio tramite Scappo a Casa, lo stesso attore sembra invitarci a farlo, sembra invitare gli spettatori ad aprirsi verso l’altro, la cui diversità è a tutti gli effetti solo un’apparenza.

Scappo a casa
Scappo a casa © PaoloGalletta

La colonna sonora è stata arrangiata e composta da Fabrizio Mancinelli, che recentemente si è occupato della soundtrack di “Green Book”, il film dell’anno secondo l’Academy degli Oscar. I brani accompagnano in modo interessante e travolgente questa vera e proprio avventura, girata tra Milano e Budapest.

In particolare, è stato realizzato dagli Oblivion, appositamente per Scappo a casa, il brano Chiedimi Come, dai ritmi coinvolgenti e spassosi. 

Scappo a Casa è un film godibile, ma soprattutto contemporaneo. Vengono ironizzati, con toni leggeri, nel personaggio di Michele tutti i pregi ed i difetti dell’italiano medio. Gli italiani sono considerati i più restii al cambiamento, eppure non è mai troppo tardi. Forse questo è proprio il momento adatto per farlo.

Anzi, cito una frase della pellicola per rinforzare il concetto: “Solo gli imbecilli non cambiano mai idea”.

 

Assunta Urbano

Scappo a casa, la nuova avventura di Aldo Baglio ultima modifica: 2019-03-20T12:09:28+02:00 da Assunta Urbano