Anastasio pubblica Atto Zero, singolo che anticipa l’omonimo album

Atto Zero è il secondo singolo di Anastasio che anticipa l’uscita dell’omonimo album prevista per il 7 Febbraio 2020.

È tanto che aspetto di fare uscire quest’album, mi scervello, ossessionato dalla sfida impossibile di dire qualcosa. Ora che ci siamo io fibrillo, non vedo l’ora”.

Dopo la felice esperienza ad X Factor 18 e tutto ciò che ne è conseguito, ed in attesa di esibirsi sul palco della 70ª edizione del Festival di Sanremo, il giovane artista campano continua a lanciare segnali sul nuovo atteso lavoro. Sul finire di novembre aveva pubblicato il singoloIl fattaccio del vicolo del Moro, liberamente ispirato dal monologo teatrale Er Fattaccio di Amerigo Giuliani, portato alla ribalta da Gigi Proietti.

Il giorno della befana, invece, sui suoi canali social è apparsa un’immagine inerente il brano in gara al prossimo festival della canzone italiana. Rosso di rabbia, ovvero la storia di un personaggio (e del suo fallimento) che rincorre da tempo: il Sabotatore.

A mezzanotte ed un minuto di venerdì 10 Gennaio 2020 è stato pubblicato il capitolo zero di questo Atto zero.

In un frame del video youtube, come segnalato da utente, appare fugacemente la tracklist di Atto Zero, che, salvo smentite, dovrebbe essere la seguente:

Atto zero / Narciso / Straniero / Cronache di gioventú metese / Rosso di rabbia / Il sabotatore/ Il giro di do/ Castelli di carte/ VBBN / Il fattaccio del vicolo del moro /Quando tutto questo finirà

Anastasio – Atto Zero (testo)

Amo quell’attimo prima dell’atto
quando il pilota già vede l’impatto
e il fantino sbalzato ha mollato le redini

L’allievo si è ribellato e il maestro ha finito il suo lavoro
Giovane uomo, vai, sorprendimi

L’atleta attende i tendini
il terrorista pregusta le 40 vergini, sa che le merita
finita la predica ha già deciso, la notte è gelida
ma domani click, Boom! Allah Akbar, morte all’America
La folla è incredula, e i led, i riflettori
il pianto dei peccatori, lo schianto dei tuoi valori
i motori in panne, mamma, guarda, Notre Dame è in fiamme
Notre Dame è in fiamme, Notre Dame è in fiamme

Notre Dame è in fiamme ed è bella come non è stata mai
È bella come non è stata mai

Muore il simbolo, le idee resistono
bada, chi piange un simbolo è un idolatra
Chi piange il bello che guardi meglio, è uno spettacolo
Il fumo che avvolge il pinnacolo
L’evento al di fuori del calcolo
L’arte è viva se pure per poco
dal fumo e dal fuoco si affaccia l’oracolo

L’arte è atto unico, ora e subito
e se la credi ferma nei musei, mi pari stupido
Ce n’è di più nel sacchetto dell’umido, yah
Ce n’è di più nel sacchetto dell’umido
Che almeno vive, si evolve, è unico

Anastasio, atto zero

Salvatore D’Ambrosio

 

 

Salvatore D Ambrosio

"Alto, grosso e con la barba. Il capo della baracca è un buon gustaio, e non potrebbe essere altrimenti per un amante del bello come lui. Un Bud Spencer prima che abbandonasse la dieta!"