Il Club 33 Giri prova a ripartire con la campagna #PlayTogether

Ormai incassare la notizia dell’ennesimo locale di concertistica live che chiude è diventata una triste consuetudine, simile ad aggiornare il bilancio giornaliero dei morti su un campo di battaglia. Le motivazioni sono ben note: il lockdown ha acuito quella difficoltà endemica di non riuscire a trovare un modello economico sostenibile, in questo settore più di molti altri.

Oggi mi ritrovo a tamburellare le dita sulla tastiera per dare spazio ad una notizia che mi sa di speranza: il Club 33 Giri, riferimento per i concerti in Campania, prova a ripartire da qui. Da questa drammatica fase post-emergenziale, avviando un progetto di crowdfunding che pone grossi traguardi da raggiungere insieme per #PlayTogether.

 

La campagna di crowdfunding del Club 33 Giri

 

In un momento di difficoltà economiche e organizzative dettate dalla situazione di emergenza che stiamo attraversando, vogliamo cogliere l’occasione per ripartire più forti di prima, dando nuova linfa e nuova energia alle attività, coinvolgendo sempre nuove realtà del territorio e realizzare ancora una volta il nostro piccolo grande miracolo di provincia.

 

 

Attraverso queste parole lo staff presenta sulla pagina dedicata del sito Produzioni Dal Basso la sua campagna “Tieni accesa la musica”, che servirà a coprire i costi di gestione rimasti senza copertura economica in questi mesi di forzata chiusura e permettere di gettare le basi per la prossima programmazione di eventi che porterà alla nuova edizione del Festival “La musica può fare“, una delle realtà più radicate nel Casertano e nella Campania intera.

È possibile contribuire a seconda delle proprie disponibilità, e di conseguenza ricevere diverse ricompense.

Un segnale di importanza fondamentale per un territorio dove certe istanze risultano avere un peso specifico di difficoltà elevatissimo. È l’occasione buona per dimostrare quanto sia importante fare qualcosa per i club e sostenere attivamente, non solo in forma simbolica.

Avatar

Giornalista | Creativo | Esperto di Comunicazione Direttore di Scè da aprile 2018, collaboro con diverse testate e mi occupo di ufficio stampa e comunicazione digitale. Unico denominatore? La musica.