The Strokes sportivi nel videoclip di “The Adults Are Talking”

Online, disponibile su YouTube, il nuovo videclip firmato The Strokes.

La rock band, nel trattamento visivo firmato da Roman Coppola (figlio di Francis Ford) per il brano “The Adults Are Talking” si cimenta con lo sport. Gli avversari robotici, nella partita di baseball che coinvolge Julian Casablancas e compagni, sono inarrestabili, ed il risultato finale appare scontato.

Diversi trivia rendono decisamente più interessante la clip che raccoglie e desacralizza tematiche care ad Asimov: il frontman degli Strokes appare decisamente poco credibile sul diamante, sfoggiando parte del torso dalla jersey (graficamente molto bella) che caratterizza la squadra degli umani. Inoltre, si registra un evento più unico che raro: Casablancas corre, anche se solo per pochi istanti; lui che è decisamente più prodigo nel tirare.

Molto arguto il particolare dei cappellini della band: logo con pentagramma e chiave di violino per tutti, variante con chiave di basso per Nikolai Fraiture. Inappuntabile.

Significativa la chiusura del video, con la squadra degli umani a festeggiare smodatamente l’unico punto realizzato (di una partita persa 56 a 1). Doccia di champagne a ricordare, che anche nella peggiore sconfitta, qualcosa di cui festeggiare c’è sempre.

Probabilmente l’insegnamento racchiuso nel disco “The New Abnormal”, che abbiamo recensito in primavera.

The Strokes  – The Adults Are Talking – Testo

 

They’ve been sayin, you’re sophisticated
They’re complaining – over-educated
You are saying all the words I’m dreaming
Say it after me
Say it after me

They will blame us, crucify, and shame us
We can’t help it if we are a problem
We are trying hard to get your attention
Climbing up your wall.
Climbing up your wall.

Don’t go there cause you’ll never return
I know you think of me when you think of her
But then it don’t make sense
when you’re trying hard to do the right thing
But without recompense
And then you did something wrong and they said it was great
And now you don’t know how you could ever complain
Because you’re all confused cause you want me to
But then you want me to do it the same as you

You were waiting for the elevator
You were saying all the words I’m dreaming
No more asking, questions or excuses
Information’s here, here and everywhere

Don’t go there cause you’ll never return
I know you think of me when you think of her
But then it don’t make sense
when your trying hard to do the right thing
But without recompense
And then you did something wrong and they said it was great
And now you don’t know how you could ever complain
Because you’re all confused cause you want me to
But then you want me to do….it the same way as you
But I don’t, I don’t want anything
I know it’s not, it’s not your fault
I don’t want anyone
As I do in life for you

Stockholders

Same shit different life
I‘ll get it right some time
Maybe not tonight

 

Leggi anche la nostra recensione

The Strokes: “The New Abnormal” è una chiusura su 20 anni di carriera

Avatar

Giornalista | Creativo | Direttore di Scè da aprile 2018. Collaboro con diverse testate e mi occupo di ufficio stampa e comunicazione digitale. Unico denominatore? La musica.