Evan Rachel Wood accusa di abusi Marilyn Manson: lui nega tutto

Marilyn Manson è certamente uno degli artisti che nel corso della sua carriera ha affrontato molte polemiche trovandosi in situazioni scomode.

Dal presunto satanismo (che ha dato una spinta importante alla sua carriera) oggi però si passa ad accuse decisamente più gravi, ed arrivano da Evan Rachel Wood, persona con la quale Brian Warner (questo il vero nome di Manson) era convolato a nozze nel 2010 per separarsi poco dopo.

Sono stata vittima di abusi per anni da parte di Brian Warner, anche conosciuto nel mondo come Marilyn Manson. Lui ha cominciato ad adescarmi quando ero un’adolescente e ha orribilmente abusato di me per anni. Mi è stato fatto il lavaggio del cervello e sono stata manipolata fino alla sottomissione. Ho smesso di vivere nella paura di ritorsioni, calunnie o ricatti.

Sono qui per smascherare quest’uomo pericoloso e richiamare il business che gli ha permesso di farlo, prima che rovini altre vite. Sono con le tante vittime che non staranno più zitte.

Queste le parole di Wood, espresse attraverso un post su Instagram. La loro relazione era diventata di dominio pubblico nel 2007, quando lei non era ancora ventenne; dopo le ammissioni dell’attrice di Westworld, sembra che anche altre donne abbiano avuto il coraggio di denunciare: una dinamica che ricorda i recenti, drammatici trascorsi di FKA Twigs, che ha portato in tribunale Shia LaBeouf.

Manson ha negato qualsivoglia coinvolgimento, esprimendosi così sui social.

Naturalmente la mia arte e la mia vita sono state a lungo oggetto di controversia, ma queste recenti affermazioni su di me sono orribili distorsioni della realtà. Le mie relazioni intime sono sempre state del tutto consensuali con partner che la pensano allo stesso modo. Indipendentemente da come e perché altri scelgono di travisare il passato, questa è la verità.

Intanto, l’ormai ex etichetta discografica di Marilyn Manson ha preso le distanze dall’artista che era nel suo roster.

La Loma Vista Recordings ha smesso di promuovere ulteriormente l’album con effetto immediato e causa di questi sviluppi, ha anche deciso di non lavorare con Marilyn Manson su progetti futuri.

Non è dato prevedere il prologo della vicenda, ma di certo è stato sollevato un polverone e nessuno ne uscirà allo stesso modo.

Forse potrebbe interessarti la recensione di “We Are Chaos”, album di Marilyn Manson

Marilyn Manson: previsioni di We Are Chaos

Avatar

Giornalista | Creativo | Direttore di Scè da aprile 2018. Collaboro con diverse testate e mi occupo di ufficio stampa e comunicazione digitale. Unico denominatore? La musica.