“Rocky Trail” anticipa il nuovo disco dei Kings Of Convenience

L’improvvisa comparsa dei Kings of Convenience su Instagram aveva generato interesse e attesa per novità incombenti.

Erlend Øye e Eirik Glambek Bøe avevano promesso di svelarle una volta raggiunti i cinquantamila follower: circa due mesi dopo ne hanno conquistati la metà (che comunque non sono pochi), ma hanno comunque reso pubblici importanti aggiornamenti.

Il duo norvegese torna a firmare musica inedita, e nel venerdì dedicato alle release discografiche c’è spazio per “Rocky Trail”, la nuova canzone dei Kings of Convenience. Dodici anni di silenzio artistico vengono squarciati da tre minuti e mezzo di assoluta impronta acustica, con echi sostenuti che richiamano la loro hit “Misread”.

Emblematico notare come l’inquadratura che chiude “Rocky Trail” richiami a suo modo l’apertura del video di “Misread”, con Eirik Glambek Bøe steso che suona la chitarra. Il silenzio, d’altronde, non è mai coinciso con un allontanamento totale dalla scena creativa: di recente abbiamo apprezzato l’album d’esordio di Marco Castello, pubblicato proprio dalla Bubbles Records di Erlend Øye. Questa nuova canzone apre la strada a “Peace or Love”, disco in arrivo il 18 giugno.

“Peace or Love” – Il nuovo album dei Kings of Convenience – La tracklist

Rumours
Rocky Trail
Comb My Hair
Angel
Love Is A Lonely Thing
Fever
Killers
Ask for Help
Catholic Country
Song About It
Washing Machine

 

Sarà possibile vedere dal vivo i Kings of Convenience?

 

Probabilmente sì.

Ci auspichiamo che le convergenze sanitarie permettano l’organizzazione di concerti, magari a capienza completa. Seguendo tale prospettiva il duo norvegese ha già annunciato delle primissime date italiane, calendarizzate per l’autunno 2021.

26 ottobre 2021 Catania – Teatro Metropolitan

30 ottobre 2021 Bologna – Teatro Manzoni

1° novembre 2021 Milano – Teatro degli Arcimboldi

Avatar

Giornalista | Creativo | Direttore di Scè da aprile 2018. Collaboro con diverse testate e mi occupo di ufficio stampa e comunicazione digitale. Unico denominatore? La musica.