Giovanni Truppi – Tuo padre, mia madre, Lucia

Tuo padre, mia madre, Lucia è il brano con cui Giovanni Truppi esordisce a Sanremo. La canzone, presentata durante la seconda serata della 72ª edizione, ha come tema le relazioni amorose inquadrate da una prospettiva adulta, così come racconta lo stesso cantautore partenopeo:

“Tuo padre, mia madre, Lucia” è una dichiarazione d’amore in inverno. Credo che questa stagione mi venga in mente in relazione alla canzone perché è il momento dell’anno più in sintonia con le sue atmosfere e per il sentimento di cui si parla, che è di quelli che rimangono in piedi anche alla fine di una – metaforica – tempesta di neve, un momento in cui la vita è più aspra e resistono solo le cose forti.

Il punto di osservazione è quello dell’età adulta: sia io che Gino e Niccoló non siamo più dei ragazzi e credo che queste parole siano arrivate perché, pur avendo età diverse, tutti e tre abbiamo varcato una soglia.

Scegliere una persona vuol dire, nel momento in cui la scelta si fa, prenderla tutta e a prescindere da tutto, perché si sta immaginando il futuro insieme a lei. Questo è l’amore di cui volevamo parlare, che poi è quello delle promesse che si scambiano gli sposi.

Infine la dimensione “adulta”, “pubblica” (perché essere adulti vuol dire anche esporsi al mondo esterno) arriva fino all’affollato titolo del brano, dove i personaggi sembrano tre ma in realtà sono ben cinque perché questo padre, questa madre e questa Lucia (che è il nome di mia figlia) sono solo spettatori di una storia e non esisterebbero nemmeno senza i suoi veri protagonisti: i due componenti di una coppia”.

“Tuo padre, mia madre, Lucia” farà parte di “Tutto l’universo”,  una raccolta di canzoni (15) rappresentative della carriera di Giovanni Truppi in uscita il 4 febbraio.

 

Giovanni Truppi, Tuo padre, mia madre, Lucia – Testo

 

Quando ti ho incontrata per la prima volta
ad una cena di sconosciuti in un bar di Torino senza pensarci, d’istinto, ti ho guardato la mano per vedere se fossi sposata.

Brillano le teste e scintillano le stelle
corrono corrono corrono, gli occhi si chiudono gli attimi cadono dimmi se sei triste, dove andiamo, che ci faccio qui.

…o siamo sempre stati qui?

E quando le cose tra di noi non vanno lisce e sono malinconico o preoccupato
ripenso a quel momento e mi fido di lui,
e anche se a volte litighiamo solo per la paura di metterci a letto lo so che per quello che vogliamo fare noi un per cento
è amore e tutto il resto è stringere i denti.

E se domani tuo padre, mia madre o Lucia
ascolteranno queste parole
si chiederanno, come mi chiedo anch’io, se questo è un amore risponderò come rispondo anche a me
che
amarti è credere che
che quello che sarò sarà con te.

E adesso che conosco anche la tua amarezza
e il buio senza parole in cui sei nuda di rabbia
io ti volevo dire che la mia anima ti vuole
ed il mio cuore pure
e che le mie fantasie si scaldano al pensiero del tuo fiato.

Brillano le teste e scintillano le stelle
toccami la faccia e non farmi fare niente stringimi più forte e fammi dire un’altra volta sì.

E se domani tuo padre, mia madre o Lucia
ascolteranno queste parole
si chiederanno, come mi chiedo anch’io, se questo è un amore risponderò come rispondo anche a me

che
amarti è credere che
che quello che sarò sarà con te.

Amore mio, per vivere facciamo mille cose stupide
lo sai, per sopravvivere, semplifichiamo il più possibile. Ma cosa c’è di semplice?
Amore mio
che ridere.

E se domani tuo padre, mia madre o Lucia
ascolteranno queste parole
si chiederanno, come mi chiedo anch’io, se questo è un amore risponderò come rispondo anche a me
che
amarti è credere che
che quello che sarò sarà con te.

Sto camminando verso di te
ti vedo all’incrocio, mi fermo a guardarti
e aspetto l’attimo in cui
ti girerai e mi sorriderai vedendomi arrivare.