La seconda opera degli Ananda Mida è un ricettacolo colmo di potenza espressiva. Godibile a pieno anche da chi non ama il genere rock anni settanta.