È uscita “Chiagne Ancora”, la canzone di Ghali con Liberato e J Lord

Di recente Liberato era tornato a farsi sentire spezzando, come di consueto il nove maggio, una delle fasi di totale silenzio.

Probabilmente, “E TE VENG’ A PIGLIÀ” era il preambolo a nuovi sviluppi artistici che trovano continuità oggi con “Chiagne Ancora”. Questa canzone vede il cantautore partenopeo in ruolo di featuring insieme a J Lord; la firma principale del pezzo, invece, è apposta da Ghali. Il tutto confezionato per la Warner Music, label che ha sotto contratto il rapper di origini tunisine.

Il brano ha una genesi particolare, che forse ha portato ad accelerare i tempi di pubblicazione: il 19 giugno c’era stata una fuga di notizie che di fatto aveva svelato la traccia. Quindi sono state applicate strategie tempestive per rendere ufficiale la release; uno dei casi dove la fretta sembra diventare cattiva consigliera.

La sensazione è di avere a che fare con una canzone plasmata di getto, a tratti slegata nelle dinamiche fra le tre personalità coinvolte. C’è tanto carisma e stili espressivi differenti, che finiscono per apparire poco definiti e dalla facile emotività melensa.

Sia chiaro che anche sul piano strumentale, nonostante il common ground delle sonorità urban, sembra esserci troppo “già sentito”. In pratica, manca quel coraggio che ha portato, poco più di un mese fa, a creare una bachata che è uno shock. Appare più come un pezzo buttato lì per il rischio di perderlo nei leaks che pullulano il web. Un vero peccato considerando come lo stesso Liberato abbia in passato approcciato il discorso featuring in We come from Napoli.

Resta il fatto che, dopo aver cantato con grande personalità la sua terra, dopo le location scelte per il video di “E TE VENG’ A PIGLIÀ”, arrivano nuovi segnali che confermano come la bussola di Liberato punti decisamente direzione Milano.

Ghali feat. Liberato e J Lord – Chiagne Ancora – Testo

 

Lei sa che sono il king del quartiere
Sa che ho delle hit in cantiere
Non c’entro con i vip che tu hai in tele
Mi trovi in playlist dal barbiere
Ancora fumo marijuana
Sempre sognando Copacabana (Uoh)
Leggo l’ABC con la tua collana (Let’s go)
Uso il tuo outfit come pigiama (Ahahah)
Fammi fare un tiro in mano tua, mama
Goditi il panorama, baby, no drama
Chiuso in casa, il tuo palazzo sembra il Niagara
Risparmia le tue lacrime
La luna è piena, lupi fuori tana
Lo snitch infama, non voglio fare haram
Non vola più una mosca dopo il “click-clack”

Mo che faje si nun me truove? (Uoh)
Chiagne ancora?
M’hê stracciato tutt”e foto
Me cirche ancora
Cu’tté nun m’abbasta n’ora
Sott”e lenzola
Vaco fore si ce penzo
Ne voglio ancora

Tengo ‘a mente lucida dint’a ll’affare, saje
Nu bastardo comme a me nun s’annamora maje
Stanno cadendo ‘e munizione ‘a dint’ê jeans
Pienze si vedesse ‘a faccia mia ‘ncopp’ê riviste
Che pensasse ‘e me?
So’ passato da down a sta ‘int’ô top
Nu tipo comme ‘o boyfriend tujo a me nn’me tocca
Comme ‘e criminale ‘ncapa mettimmo ‘o do-rag
Faccio nu squillo â gang, avviso ca addu me sta ‘a festa
Prendi la pesa (Uoh, ehi), l’anima appesa (Uoh, ehi)
Minchia se pesa (Uoh, ehi), non mi è ancora scesa (Ehi, ehi)
Ho ancora la scena (Uoh) nella caveza
Ci aiutava la chiesa, ce purtavano ‘a spesa
Nn’era facile, mo tutte cose è facile
Conto chisti money mmano, girano automatiche
Lloro songo brave, assittate fanno l’applauso
Je po chino ‘e sangue stongo ascenno dâ Savana
Tengo na pelliccia ‘e lione, saje ca l’aggio ammazzato
Je so’ sempe chillo ‘e primma, saje ca nun so’ cagnato
Bevo vino ‘int’a nu calice
‘O ssaje ca po attuorno a mme ce vide sulo ‘a squadra

Mo che faje?
Nun ce stive tu, m’arricettaje
Senza ‘a voce toja m’accapputtaje
Ammò, l’aggio fatto pe’tté
E t”o giuro, nun me pento
Te voglio ancora

Mo che faje si nun me truove? (Uoh)
Chiagne ancora?
M’hê stracciato tutt”e foto
Me cirche ancora
Cu’tté nun m’abbasta n’ora
Sott”e lenzola
Vaco fore si ce penzo
Ne voglio ancora
Mo che faje si nun me truove? (Uoh, mo che faje si nun me truove?)
Chiagne ancora?
M’hê stracciato tutt”e foto
Me cirche ancora
Cu’tté nun m’abbasta n’ora
Sott”e lenzola
Vaco fore si ce penzo
Ne voglio ancora (Ne voglio ancora)

Liberato torna con una promessa: “E TE VENG’ A PIGLIÀ”

Giornalista | Creativo | Direttore di Scè da aprile 2018. Collaboro con diverse testate e mi occupo di ufficio stampa e comunicazione digitale. Unico denominatore? La musica.